Vendita Villetta in pietra vista mare, a 100 metri dalla baia di San Gregorio e Felloniche - Patù

Villetta in pietra vista mare, a 100 metri dalla baia di San Gregorio e Felloniche

Via Amerigo Vespucci
foto immobile Villetta in pietra vista mare, a 100 metri dalla baia di San Gregorio e Felloniche n. 9

L'Immobile in Breve

Cod. 409
Città:
Patù
Località:
San Gregorio
Prezzo:
€ 185.000
Condizioni:
Abitabile
Superficie Coperta:
90 m2
Superficie Giardino:
150 m2
N. Locali:
4
N. Camere da Letto:
2
Posti Letto:
4
N. Bagni:
1
Classe Energetica:
da de

Condividi la Scheda

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Condividi tramite Email Pinterest Condividi su ok.ru
https://www.damicoimmobiliare.it:443/immobili/409/patu/Vendita-villetta-in-pietra-vista-mare-a-100-metri-dalla-baia-di-san-gregorio-e-felloniche/

Accessori

Fognatura Pubblica Fognatura Pubblica
Acquedotto Pubblico Acquedotto Pubblico
Wi-Fi Wi-Fi
Barbecue Barbecue
Vista Mare Vista Mare
Terrazzo Terrazzo
Arredamento Arredamento
Climatizzatore Climatizzatore
Riscaldamento Autonomo Riscaldamento Autonomo
Giardino Giardino

Descrizione

SAN GREGORIO

Marina di Patù

Nella baia di San Gregorio, tra le più belle del sud Salento, D’AMICO IMMOBILIARE propone in vendita una villetta indipendente, vista mare, disposta a piano terra, con scoperto su tre lati e giardino antistante e retrostante.

La villetta è realizzata con muri esterni in pietra, tipici delle abitazioni in Salento, ha una superficie coperta di 80 mq, uno scoperto di 150 mq, è composta da un Soggiorno, Cucina, 2 Camere da letto matrimoniali e 1 Bagno grande. Nella parte antistante è presente un porticato in pietra, e nella parte retrostante è presente un pergolato, oltre ad un barbecue in giardino. La villetta dista 100 metri dalla baia di San Gregorio, dove è possibile fare il bagno, in un antico porticciolo dell’epoca messapica-romana, con presenti tutte le attività commerciali, come ristoranti, bar e market. Nel periodo estivo questa baia è frequentata di turisti in cerca di un luogo tranquillo e riservato, e meta degli amanti che navigano queste acque cristalline, con vari Yacht.

A 700 metri di distanza troviamo la vicina spiaggia di Felloniche, mentre a 4 km troviamo la spiaggia di Torre Vado e Pescoluse, con le sue spiagge dorate e le acque cristalline, località di mare premiata da diversi anni, con la BANDIERA BLU, come mare più pulito, e con la BANDIERA VERDE, come mare adatto a famiglie con bambini e animali domestici a seguito.

Nella vicina Patù, a 4 km, potete ammirare il centro storico e la famosa CENTOPIETRE, una singolare costruzione di forma rettangolare composta da cento grossi blocchi tufacei squadrati e situata proprio di fronte all’ingresso principale della chiesa di San Giovanni Battista in Patù. Nel 1873 è stata dichiarata Monumento nazionale di seconda classe.

La Centopietre è un monumento del IX secolo d.C., però è stato realizzato con monoliti risalenti a Vereto, ovvero con materiale di spoglio di questa antica città messapica. All’origine la Centopietre fu una tomba senza accessi, un monumento funebre, un heroon. Infatti con tutta probabilità venne costruita per accogliere le spoglie mortali del barone Geminiano. Questa la celebre vicenda: Vereto nel corso del IX secolo subiva continui attacchi da parte dei Saraceni che volevano a tutti i costi attestarsi sul Capo S. Maria di Leuca e da qui continuare l’occupazione dell’intero Salento. In aiuto di Vereto giunse un grosso esercito inviato dal re di Francia Carlo il Calvo. Alla vigilia di un terribile scontro tra Cristiani e Saraceni, che avevano preso posizione nella piana di Campo Re ai piedi della collina di Vereto, dai Cristiani venne inviato il Cavaliere Geminiano come messaggero di pace presso il campo nemico; qui il nobile cristiano venne barbaramente trucidato, scatenando così la famosa battaglia del mitico 24 giugno 877, giorno appunto dedicato a S. Giovanni Battista. In questo scontro i Cristiani ebbero la meglio e riuscirono a strappare ai Saraceni il Corpo dell’infelice Geminiano. La Centopietre, così, sarebbe stata costruita in quell’occasione per dare degna sepoltura al martire cristiano.
Alcuni secoli dopo, tra il XIII e il XIV secolo, l’heroon è stato trasformato in thémenos cristiano, luogo di preghiera e di meditazione. A questi stessi secoli risalgono gli affreschi in stile bizantino eseguiti sulla parete interna ovest e dei quali ormai restano solo pallide tracce.

Virtual Tour

Galleria Foto

Mappa

È necessario abilitare i cookie per visualizzare la mappa interattiva. Visita la pagina cookie policy per l'abilitazione.

Richiedi Maggiori Informazioni

Compilate il seguente modulo per avere maggiori dettagli riguardanti l'immobile o per richiedere un appuntamento per visionarlo di persona.